Benvenuti nella nuova area sindacale di LIA

LIA – CLAAI Bergamo – è un’associazione imprenditoriale che opera nell’interesse delle imprese associate. Sportello LIA è lo strumento semplice ed efficace per la tua impresa o attività. Un percorso guidato passo passo, di facile consultazione, nelle tematiche più frequenti attorno al mondo del lavoro.

Al suo interno troverai tutte le risposte utili per ciò che riguarda la gestione del rapporto di lavoro – dall’assunzione alla cessazione – oltre alle informazioni relative al welfare aziendale, ai contratti collettivi di lavoro e all’accesso agli sportelli bilaterali dedicati alla tua impresa.

Rapporti di lavoro

Qui puoi trovare sempre la soluzione più vantaggiosa: cerca le informazioni relative alle agevolazioni e a tutto ciò che riguarda la gestione del rapporto di lavoro con i tuoi dipendenti e collaboratori. Scopri in pochi passaggi guidati quali sono i benefici economici per le nuove assunzioni, la documentazione e le disposizioni normative per la gestione dei rapporti di lavoro in essere, o le soluzioni in caso di necessità di cessazione dello stesso.

Naviga tra la documentazione e le normative in base ad argomenti e categorie

Ricerca agevolazioni, disposizioni e soluzioni filtrandole in base alla fase del rapporto di lavoro: prima dell’assunzione, durante e in caso di necessità di cessazione del rapporto di lavoro.

internazionalizzazione

I processi di crescita all’estero possono essere un fattore fondamentale per lo sviluppo delle nostre aziende. L’internazionalizzazione, però, nasconde spesso insidie e richiede un approccio serio e consapevole di tutta l’organizzazione. Un percorso complesso e ambizioso che necessita di un supporto professionale con competenze specifiche.

Vai

Welfare aziendale

Dalla salute all’istruzione, dai buoni spesa e carburante alle attività di collaboratori e lavoratori dedicate al tempo libero. Scopri qui come migliorare la soddisfazione dei tuoi dipendenti con un piano welfare personalizzato per la tua impresa.

Vai

Gestione Sportelli

Un accesso guidato e facilitato agli sportelli degli Enti bilaterali dell’artigianato. Accedi rapidamente alle provvidenze rivolte a imprese e lavoratori.

Vai

News

13-09-2021 INFORMATIVA - NUOVE REGOLE ORIGINE PREFERENZIALE AREA PANEUROMEDITERRANEA

NUOVE REGOLE ORIGINE PREFERENZIALE AREA PANEUROMEDITERRANEA  come già illustrato più volte in queste pagine https://www.tradecube.it/la-dichiarazione-di-origine-preferenziale-ue/, per poter certificare l’origine preferenziale UE di un prodotto è necessario far riferimento alla regola di origine contenuta nell’accordo di libero scambio stipulato tra L’Unione Europea e il paese nel quale i prodotti devono essere esportati.  La Convenzione Paneuromediterranea stabilisce regole condivise da un gruppo di paesi comprendenti l’SEE, la fascia nordafricana, diversi paesi dell’area balcanica e dell’est europeo geografico.  Come già anticipato in questo articolo https://www.tradecube.it/accordo-paneuromediterraneo/  nel mese di agosto 2020 la Commissione UE aveva approvato una serie di modifiche atte a facilitare gli scambi nell’area interessata.  Il 25 agosto 2021 la Commissione UE ha pubblicato la guida alle nuove regole di origine transitorie.  Le regole transitorie applicabili facoltativamente dal 01/09/2021  Sono applicabili agli scambi di beni con Svizzera, Norvegia, Islanda, Albania, Giordania e Isole Faroe. Per gli altri paesi sono ancora in atto i processi di implementazione del nuovo set di regole.  Nel periodo transitorio gli operatori economici potranno scegliere quali regole applicare, ma solo per i paesi elencati sopra. La scelta dovrà essere effettuata con la massima attenzione perché:  anche se le nuove regole sono più flessibili e hanno l’obiettivo di agevolare gli scambi, non è detto che siano sempre e in ogni caso favorevoli   la scelta dell’utilizzo della regola transitoria presuppone che tutti i soggetti coinvolti nella filiera debbano certificare l’origine sulla base delle nuove regole   eventuali automatismi già presenti nei software utilizzati dall’azienda dovranno essere verificati ed eventualmente adeguati    Che cosa deve fare l’esportatore?  Può anche non far nulla e continuare ad applicare le regole che conosce, ma potrebbe perdere delle opportunità vantaggiose.  La competitività dell’esportatore è direttamente proporzionale alla possibilità che esso ha di piazzare sul mercato prodotti scortati da certificato di origine preferenziale.  Vale quindi la pena di rivedere le regole applicabili ai prodotti destinati all’esportazione verso Svizzera, Norvegia, Islanda, Albania, Giordania e Isole Faroe.  Per poter effettuare questa analisi è necessario chiedere ai fornitori che rilascino dichiarazione di origine preferenziale sulla base delle regole transitorie, accertandosi che indichino chiaramente sulla dichiarazione il set di regole utilizzato. 

10-09-2021 Le provvidenze ELBA 2021 per imprese artigiane e lavoratori

Sono state confermate per il 2021 le provvidenze ELBA. L'Ente Lombardo Bilaterale per l'Artigianato offre alle imprese artigiane i seguenti contributi richiedibili tramite lo sportello di LIA Bergamo. La novità principale riguarda l'introduzione di due nuove provvidenze dedicate all'imprenditoria femminile.LE PROVVIDENZE 2021FAA - Formazione Apprendisti €125 per la formazione esterna dell'apprendista FAI - Formazione Aggiornamento Professionale 30% dei costi sostenuti dall'impresa (max 200€) per corsi rivolti a imprenditori e dipendenti di durata tra le 16 e le 80 ore 50% del costo netto della partecipazione di titolari, soci e collaboratori ad iniziative formative finanziate da Fondartigianato contestualmente ai loro dipendenti  (max 520€) CCM - Contributo Carenza Malattia €100 per ogni evento di malattia per il quale l'azienda, se tenuta dal CCNL applicato, retribuirà i giorni di carenza di malattia APA - Anzianità Professionale Aziendale €170 a biennio, per ogni lavoratore che ha maturato 14 anni di anzianità continuativa di servizio in azienda €200 a biennio, per ogni lavoratore che ha maturato 20 anni di anzianità continuativa di servizio in azienda RLS - FORMAZIONE RAPPRESENTANTI LAVORATORI Contributi alle imprese che effettuano nel 2021 la formazione obbligatoria dei rappresentanti interni dei lavoratori per la sicurezza (RLS). Il contributo è concesso nella misura del 50% del costo sostenuto dall’impresa e non potrà superare l'importo di €260 ALS - Contributo spese per acquisto di libri scolastici Alle lavoratrici e ai lavoratori è corrisposto un contributo (massimo €200) con riferimento all’anno scolastico (2021/2022), quale concorso alle spese sostenute per l’acquisto dei libri scolastici per uno o più figli frequentanti le scuole superiori MPC - Mutuo prima casa Erogazione di un contributo al lavoratore che nel 2021 ha contratto un mutuo per l’acquisto della prima casa, quindi per coloro che non sono proprietari di altre case, per un importo di €500 IMPRENDITORIA FEMMINILE Alle donne titolari di impresa artigiana, in caso di nascita o adozione di un figlio, è riconosciuto un contributo "una tantum" di €500 (IFM) Alle imprese femminili* che abbiano assunto nel corso del 2021 un lavoratore dipendente con rapporto a tempo indeterminato, o a tempo determinato di almeno 12 mesi, che aumenti il numero dei lavoratori già in forza presso l’azienda e che venga mantenuto per almeno quattro mesi, è erogato un contributo di €500 (IFO) *Ditta individuale il cui titolare è donna; società di persone o cooperative in cui almeno il 60% dei soci sono donne; società di capitali, se almeno i 2/3 delle quote sono sottoscritte da donne e se l’amministrazione è formata per 1/3 almeno da donne) Il primo termine per la presentazione della domanda, relativo ai primi sette mesi dell'anno, è previsto per novembre 2021. Per informazioni sulle ulteriori scadenze e sulla modulistica clicca qui

30-08-2021 TRASFERTE INTERNAZIONALI

TRASFERTE INTERNAZIONALI – rientri dal 31 agosto 2021  La nuova Ordinanza del 28/08/2021 ha prorogato fino al 25/10/2021 quanto previsto dalle precedenti ordinanze in materia, comprese le disposizioni per i viaggi in Brasile, India, Sri Lanka e Bangladesh e quelle relative ai voli Covid Tested.    Segnaliamo le novità importanti per i viaggiatori che hanno soggiornato o transitato negli ultimi 14 gg da:    paesi dell’elenco D:  Albania, Arabia Saudita, Armenia, Australia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Brunei, Canada, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Giordania, Libano, Kosovo, Moldavia, Montenegro, Nuova Zelanda, Qatar, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale e basi britanniche nell'isola di Cipro ed esclusi i territori non appartenenti al continente europeo), Repubblica di Corea,  repubblica di Macedonia del Nord, Serbia, Singapore, Stati Uniti d'America, Ucraina; Taiwan, Regioni amministrative speciali di Hong Kong e di Macao.  Non devono più effettuare la quarantena di cinque giorni qualora presentino:  Attestazione, cartacea o elettronica, di aver completato il ciclo vaccinale. La certificazione può essere costituita dal green pass UE oppure da analoga e conforme certificazione rilasciata dall’autorità sanitaria estera  Certificato di tampone negativo effettuato nelle 72 ore precedenti (48 per il Regno Unito)  Presentazione Passenger Locator Form (PLF)  I lavoratori non vaccinati dovranno quindi continuare a effettuare la quarantena di 5 giorni e un nuovo tampone al termine della stessa, salvo eccezioni (trasferta della durata massima di 120 ore) USA, Canada, Giappone: la nuova ordinanza prevede che in aggiunta al green pass UE e al PLF dovranno presentare certificato di tampone negativo effettuato nelle 72 ore precedenti    Brasile, Sri Lanka, India e Bangladesh:  restrizioni prorogate al 25/10/2021 senza eccezioni      Attenzione a:  trasferte della durata massima di 120 ore: danno luogo solo all'esenzione da quarantena, ove prevista. Quindi i lavoratori che si trovano in questa situazione dovranno presentare il Green Pass (paesi UE, Schengen e Israele) oppure effettuare il tampone con il preavviso previsto in funzione del luogo di provenienza  notifica all’ATS di competenza: le ordinanze non prevedono più la notifica immediata del rientro in Italia all’autorità sanitaria di competenza, sebbene questa sia prevista dal DPCM in vigore. In ogni caso la comunicazione all’autorità sanitaria deve sempre essere effettuata in caso di quarantena, perché possa essere attivata la sorveglianza.  nulla è cambiato per coloro che hanno soggiornato o transitato negli ultimi 14 gg dai paesi dell'elenco E (paesi diversi da UE, Schengen, Israele e quelli sopraelencati)